La Riva ALFIERO BOFFA 2013 Nizza DOCG

Il potente colore della giovinezza comincia a incanutirsi, ma sai com’è, i capelli brizzolati aumentano il fascino. Tutto il resto del colore è da manuale, da gran Nizza. Anche il fisico è un po’ assottigliato con l’età, un po’ meno muscoli ma che elegante snellezza! Profumo e gusto con lo stesso percorso descrittivo, fatto di frutta sotto spirito, oppure caramellata, di vaniglia soave, di spezia dolce e pungente come lo zenzero, del legno stagionato e incerato come lo respiri nella bottega del falegname. Piacevole gustare gli ultimi profumi che se vanno senza fretta, lasciando un ricco ricordo.

Annunci

Le Rose FRANCO MONDO 2013 Nizza DOCG

Lampi di fresco arancione guizzano nel limpido porpora di questo vino. Nel bicchiere è flessuoso e vivace, mi fa pensare a un buon contenuto alcolico ed infatti questa è la prima sensazione che mi punge il naso, subito seguito e ampliato da accordi basati sui frutti, su qualche fiore secco, ma incorniciato alla fine da un buon legno e da diversi suggerimenti di spezie solleticanti. Un balsamo per la bocca, morbida e calda grazie a un tannino presente ma non graffiante; complesso il ventaglio di sapori, sobriamente puliti, di buona vellutata persistenza.

BREMA 2015 Nizza DOCG

Rosso rubino brillante, bello, convincente con i suoi lampi, le sue sfumature di porpora e viola. Il naso si distrae, perde concentrazione, tante sono le note che si offrono all’olfatto. Freschezza, tanti frutti, ciliegia, mora, prugne e albicocca candita; la piacevolezza generale mette in secondo piano una certa slegatura dovuta all’esuberanza. Robusto all’assaggio, con un sostegno tannico importante quanto elegante, persino un po’ gradevolmente amarognolo nel finale, stemperato in buone note di calore, corpo e morbidezza, velluto quasi. Finale confortevole, lungo e asciutto.

Canto di Luna GUIDO BERTA 2015 Nizza DOCG

Ecco un Nizza che si presenta con spessore e cupa intensità; se mosso nel bicchiere ci rassicura con vivacità e trasparenza, quasi brillantezza. Anche all’olfatto si annuncia pieno,addirittura ancora un po’ vinoso e pungente,ma da subito fruttato di frutti rossi ben maturi, e anche di prugna secca, per finire con robusti sentori di pepe bianco e liquirizia. La stessa forza mi colpisce nel gusto, in una rotazione di apprezzamenti robusti, dal caldo al robusto, dal goudron al tannino un po’ ruvido. E’ un vino che ti stringe la mano con forza e calore.